Carrello
Il tuo carrello è vuoto
Quantità:
Totale parziale
Imposte
Spedizione
Totale
Si è verificato un errore con PayPalClicca qui per riprovare
FesteggiaGrazie per l’acquisto!A breve dovresti ricevere una conferma dell’ordine da parte di PayPal.Chiudi il carrello

Gastroenterologia, Endoscopia digestiva, respiratoria, genitale​

MEDICO VETERINARIO MsGedaa

Il mio blog

Blog

visualizza:  completo / riassunto

I CORPI ESTRANEI GASTRICI POSSONO ESSERE RIMOSSI PER VIA ENDOSCOPICA SENZA INTERVENIRE CHIRURGICAMENTE?

Pubblicato il 16 novembre 2011 alle 09.12 Comments commenti (789)
E' sempre etico e corretto tentare la procedura meno invasiva per il cane e che comporti il minor danno nel tentare di rimuovere i corpi estranei dallo stomaco dei cani e gatti.
E' possibile sempre effettuare il tentativo della rimozione ENDOSCOPICA di corpi estranei taglienti, acuminati, di forma tonda, ottusa, allungata, lineare prima di intervenire chirurgicamente.
Le corde o fili presenti nello stomaco dovrebbero essere rimosse per via endoscopica se non hanno progredito verso l'intestino, oltrepassando la valvola pilorica.  Solo con l'endoscopia si potrà effettuare una tale valutazione.
Sarà compito del medico veterinario endoscopista con esperienza, valutare caso per caso,  l'opportunità della rimozione per via endoscopica, attraverso una pianificazione pre-endoscopica sullo studio delle radiografie ed ecografie e successivamente durante la manualità endoscopica e prendendo in considerazione i tempi dell'anestesia.
Purtoppo non sempre si riescono ad estrarre i diversi corpi estranei in quanto l'ambiente acido gastrico modifica la struttura dell'oggetto indurendolo e rendendo talvolta l'estrazione attraverso il CARDIAS (ingresso dello stomaco).
L'estrazione di corpi estranei richiede esperienza e dotazione completa di diverse tipi di pinze idonee a tutte le forme e misure di ipotetici corpi estranei.





Leggi tutto il post »

russamento del bulldog inglese

Pubblicato il 31 ottobre 2011 alle 18.15 Comments commenti (1034)
russamento cane bulldog inglese: è normale?
quando un allevatore vuole farvi credere che <<in virtù del suo muso corto il bulldog inglese è naturale che russi; si può dire che il russare è un marchio di fabbrica del Bulldog>>  sappiate che quel soggetto e' "malato di fabbrica"  perchè quell'allevatore ha selezionato geneticamente nei riproduttori un difetto che rappresenta un evidente mancanza di attenzione al benessere animale.
Quel cane soffrirà ed inevitabilemente dovrà essere sottoposto ad intervento per la sindrome brachicefalica che colpisce il laringe con grave degenerazione e sindrome ostruttiva delle alte vie resiratorie (NARICI, RINOFARINGE, LARINGE), portando a sofferenza dei muscoli respiratori per costante sforzo respiratorio, e secondarie MODIFICAZIONI DELL'ESOFAGO, DELLO STOMACO.
Leggi tutto il post »

endoscopia respiratoria

Pubblicato il 31 ottobre 2011 alle 17.57 Comments commenti (986)
sono disponibile a rispondere ai vostri questi sull'endoscopia respiratoria
L'esplorazione delle vie respiratorie nel cane e gatto consiste in diverse procedure:
RINOFARINGOSCOPIA FLESSIBILE per esplorare anteriormente le narici e posteriorimente il rinofaringe.
L'esplorazione delle narici senza valutazione del rinofaringe non potrà mai permettere una corretta valutazione ed esclusione di corpi estranei, masse o processi infettivi, micotici od infiammatori.
L'esecuzione delle biopsie endoscopiche rappresenta la corretta conclusione della procedura per la diagnosi di certezza in assenza di corpi estranei, ma richiede un tempo di osservazione di 24 ore da parte del medico veterinario in quanto il sanguinamento conseguente alle biopsie potrebbe provocare emorragie, il cui controllo deve essere effettuato solo da personale sanitario.
La presenza di sintomatologia quale STERTORE, SCOLO NASALE CRONICO, sanguinamento dalle narici, scolo nasale purulento o biancoverdastro, STERNUTO INVERSO, deformazione del profilo del naso rappresentano una FORTE INDICAZIONE PER LA RINOFARINGOSCOPIA FLESSIBILE.
LARINGOSCOPIA: consente la valutazione dinamica della struttura e della funzionalità del LARINGE. L'esame è necessario in presenza di STRIDORE respiratorio e rumore di "russamento" soprattutto nelle razze brachicefale e sempre indispensabile per valutare la gravità della SINDROME BRACHICEFALICA in cani di razze brachicefale (boxer, bulldog, carlino, pechinese, ecc.) e per la diagnosi della PARALISI LARINGEA.
TRACHEOBRONCOSCOPIA: consente la valutazione della trachea e dei bronchi e può essere associato all'esecuzione del LAVAGGIO BRONCO ALVEOLARE per esecuzione di esami citologici e microbiologici.
La Tosse cronica non responsiva a terapia rappresenta l'indicazione per questo esame dopo aver escluso patologie cardiache e del parechima polmonare mediante esame clinico, radiografico ed ecocardiografico.
Il continuo tentaivo di vari classi di antibiotici nella tosse cronica senza una diagnosi microbiologica con il lavaggio broncoalveolare ha il rischio di sviluppare resistenze verso gli stessi antibiotici senza portare a guarigione.
Il lavaggio broncoalveolare deve essere eseguito da un medico veterinario esperto sotto il vigile controllo di un anestesista esperto nella metodica.

Leggi tutto il post »

endoscopia digestiva veterinaria

Pubblicato il 31 ottobre 2011 alle 17.38 Comments commenti (3096)
Gentili lettori,
sono disponibile a rispondere ai vostri quesiti sull'endoscopia digestiva dei cani e gatti
Questa affascinante tecnica in uso da oltre 40 anni in medicina e solo da 20 anni in medicina veterinaria è diventata negli ultimi 5 anni più accessibile nonostante l'ostruzionismo di alcune mentalità retrograde.
Il fascino e l'insostuibilità di questa tecnica permette anche in medicina veterinaria in Italia, da questo anno, grazie all'avanzamento della tecnologia, la possibilità di osservare dall'interno, senza utilizzare l'insulto chirurgico, tutto l'intestino valutandone il LUME, la PARETE, la MUCOSA, i CONTENUTI, la FUNZIONALITA'.
Nessuna altra tecnica diagnsotica per immagini permette una tale accuratezza ed attendibilità diagnostica.
Punto cardine della FORMAZIONE DELL'ENDOSCOPISTA è la COSTANTE e LUNGA FORMAZIONE NEI CENTRI DI ECCELLENZA EUROPEA ottimizzata e facilitata dalla DOTAZIONE DEI MODERNI VIDEOENDOSCOPI.
Putroppo  in Italia attualmente non sono disponibili per la veterinaria centri di formazione di ECCELLENZA per l'endoscopia, diversamente da quanto avviene per i nostri colleghi medici e pertanto chi si occupa di endoscopia veterinaria è costretto a spendere un ingente investimento per istruzione all'estero oltre all'equipaggiamento.
Il proprietario dell'animale deve tenere presente questi elementi di valutazione quando valuta il costo dell'esame endoscopico.
Leggi tutto il post »

la gastroenterologia veterinaria

Pubblicato il 31 ottobre 2011 alle 17.23 Comments commenti (4041)
questo blog ha lo scopo di consentire l'interscambio d'informazioni relative alla gastroenterologia veterinaria ed all'endoscopia diagnostica!
Sono a disposizione per rispondere alle domande dei proprietari di cani e gatti affetti da patologie gastroneteriche croniche da oltre 8 settimane anche in modo intermittente.

Il mondo affascinante del sistema immunitario dell'intestino putroppo spesso diventa il resonsabile stesso delle patologie gastrointestinali immunomediate ed il nemico dell'organismo dei nostri piccoli pazienti.

La comprensione di alcuni complessi meccanismi è alla base della gastroenterologia veterinaria prendendo spunto, con le debite differenze dalla medicina.

Il compito del gastroenterologo veterinario (titolo universitario MsGedaa) è quello di escludere o diagnosticare patologie infettive batteriche, virali, parassitarie, alimentari, protozoarie per arrivare solo attraverso l'esecuzione di biopsie ed esame istologico alla diagnosi di certezza. 

Il criterio per l'esclusione delle diverse di cause di malattia richiede criteri rigidi e rigorosi e qualsiasi scorciatoia è pericolosa e fuoriviante

Leggi tutto il post »

Rss_feed

0